Image Alt
 • Recensioni  • Volga Cosmetici – Hair Butter

Volga Cosmetici – Hair Butter

Gli hair butter di Volga Cosmetici sono arrivati sul mercato il 9 novembre 2016 e mi hanno subito molto attratta, ovviamente non solo per il packaging come sempre accattivante, ma perché descritti come maschere fortemente ristrutturanti e nutrienti, quindi come prodotti potenzialmente perfetti per le mie lunghezze secche e bisognose di attenzioni. Così, approfittando degli sconti per il Black Friday, ho acquistato il mio hair butter sul sito VerdeMelaBio, gusto Zuccarancia (dopo lunga indecisione con Fioccodinebbia).

IL PRODUTTORE

Volga Cosmetici è un laboratorio cosmetico italiano che formula e produce cosmetici dermoprotettivi sin dal 1994, utilizzando materie prime naturali di altissima qualità ed impegnandosi nella riduzione dell’impatto ambientale dei suoi prodotti, con riferimento tanto agli ingredienti quanto a confezioni ed imballaggi. In particolare, Volga Cosmetici non impiega ingredienti di origine animale, se non quelli da loro prodotti normalmente (come il miele) ed assicurandosi che la raccolta avvenga con rispetto.

DESCRIZIONE

Gli hair butter sono sei, ma ciò che li differenzia l’uno dall’altro è soltanto colore e profumo. Sono contenuti in barattoli di plastica rigida da 200g, con chiusura ermetica.  Il prezzo si aggira sui 14-15€, il PAO è di sei mesi.

Le profumazioni disponibili sono le seguenti:

  • ZUCCARANCIA: sinergia di frutta arancione, tra cui agrumi, zucca, melone, caco
  • FIORDILOTO: effluvio di fiori esotici d’acqua
  • ACQUESOAVI: note di tè verde e canna di bambù
  • CALDIDOLCI: aroma di frutta secca, frutta polposa e leggero sentore di miele
  • UVAFRAGOLA: fragranza di mosto d’uva fragola
  • FIOCCODINEBBIA: essenza di anice stellato ed elleboro

Guardiamo dunque subito alla loro formulazione.

Inci: Acqua, butyrospermum parkii butter, cetyl alcohol, argania spinosa seed oil, pongamia glabra seed oil, thiamine hcl, hydrolyzed keratin, ulva lactuca, arcatium majus root extract(bardana), sodium cetearyl sulfate,  urtica dioica extract, daucus carota extract,  serenoa serrulata, humulus lupulus, glucosamine hcl, thiamine hcl, arginine, ornithine, citrulline, calcium panthotenate,  caprylyl glycol,  ethylhexylglycerin, citric acid, mica, parfum.

Notiamo subito il burro di karité al secondo posto: un ingrediente arcinoto come ottimo per i nostri capelli! Nutriente, emolliente, ricco di vitamine, offre anche un minimo di protezione dai raggi solari. Di poco lo segue l’olio di argan, altra pietra miliare della cosmesi, dono della natura per pelle e capelli.

Quell’olio di pongamia glabra invece ci è decisamente meno familiare. Viene descritto come «filtro naturale che protegge dai raggi solari, dall’acqua salmastra, dagli agenti esterni (freddo, umidità, caldo), dal cloro della piscina». In particolare, l’olio di pongamia è in grado di agire come filtro solare naturale specialmente nei confronti dei raggi UVA (certamente non va usato da solo); essendo inserito nella fattispecie in un prodotto a risciacquo non so quanto quest’olio sia in grado di svolgere effettivamente tale funzione sulle nostre chiome.

Seguono poi la vitamina B1 (quel “thiamine hcl” che per un refuso si ripete anche verso metà INCI), un condizionante cutaneo che secondo la descrizione «nutre i follicoli dei capelli e favorisce la circolazione del cuoio capelluto», e la cheratina idrolizzata, che ben conosciamo.

Infine, alcuni estratti vegetali di particolare rilievo:

  • l’alga ulva lactuca, ricca di minerali, vitamine ed antiossidanti;
  • l’ortica, che è seboriequilibrante, purifica il cuoio capelluto, stimola la microcircolazione e combatte la caduta dei capelli;
  • la carota, ricca di vitamina A;
  • il luppolo, che fortifica le radici e promuove la crescita.

L’hair butter è descritto come adatto a tutti i tipi di capelli e se ne consiglia l’uso non in sostituzione del balsamo. Si suggerisce nello specifico di applicare la maschera su tutti i capelli, senza eccedere, facendola penetrare anche nella cute, e di tenerla in posa per 10-15 minuti. Poi, ovviamente, di risciacquare.

LA MIA ESPERIENZA

Sono ormai tre mesi che uso questo prodotto, ho aspettato particolarmente a lungo per recensirlo perché le prime volte ero un po’ interdetta. Ben presto fugato ogni dubbio, eccoci qua!

Il packaging è stato il primo amore, un barattolo di plastica trasparente e dura, con chiusura ermetica, che mostra il suo prezioso contenuto. Avendo io scelto Zuccarancia, il colore della maschera è rosa.

Il secondo amore è stato il profumo, che mi fa letteralmente venire l’acquolina in bocca. È forte, acidulo e goloso; ci sento gli agrumi e delicatamente il melone, ma ciò che veramente mi ricorda è la maschera Garnier all’henné ed aceto di mora, che usavo molti anni fa. Insomma, mi piace molto ed è discretamente persistente: lo sento sui capelli in modo molto delicato per un paio di giorni.

Per quel che riguarda la resa, inizialmente non riuscivo a capire se l’hair butter facesse per me oppure no. Ero titubante soprattutto perché come prodotto da risciacquare solamente con acqua, dopo lo shampoo, temevo appesantisse, quasi ungesse i capelli con quel burro di karité in seconda posizione nell’INCI. Tempo tre o quattro lavaggi e qualche sperimentazione, però, mi ha convinta!

Ho usato l’hair butter sia come maschera pre-shampoo che dopo lo shampoo e lo preferisco in questo secondo modo. Ha un eccellente potere districante: la consistenza è molto cremosa, spumosa quasi. Ne basta veramente poco, una piccola noce che si distribuisce agevolmente ed efficacemente sui capelli (ricordo che i miei sono lunghi fino all’osso sacro). L’effetto districante è quasi immediato, ma è opportuno lasciare la maschera in posa per qualche minuto, così i capelli risulteranno anche setosi e lucenti.

In conclusione, sono molto soddisfatta dell’acquisto e penso proprio che lo ripeterò, magari provando un’altra profumazione!

di Clara

POST A COMMENT

Passione Henné